Press "Enter" to skip to content

PEP-Therapy prosegue la sperimentazione clinica di PEP-010

PEP-Therapy e l’Institut Curie annunciano che ai primi pazienti è stato somministrato PEP-010 nello studio clinico multicentrico di fase Ia/b per la valutazione della terapia.

Un nuovo traguardo importante è stato raggiunto da PEP-Therapy. Insieme all’Institut Curie, ha recentemente annunciato che ai primi pazienti partecipanti allo studio clinico multicentrico di fase Ia/b per la valutazione del candidato principale di PEP-Therapy, PEP-010, è stato somministrato il farmaco. In questo primo studio sull’uomo, PEP-010 viene somministrato a pazienti con tumori solidi avanzati.

PEP-Therapy, è una società francese di biotecnologie mediche in fase clinica che sviluppa terapie peptidiche mirate in oncologia e che ad aprile 2021 ha concluso con successo una campagna di raccolta su Doorway.

. Lo scorso aprile, insieme all’Institut Curie, il principale centro oncologico francese, la società aveva annunciato di aver ricevuto l’approvazione dall’Agenzia nazionale francese per i medicinali e i prodotti sanitari per condurre la prima sperimentazione clinica nell’uomo del farmaco candidato PEP-010, agente pro-apoptotico che ha dimostrato un’efficacia antitumorale in diversi modelli preclinici e un buon profilo di sicurezza.

La sperimentazione clinica è stata avviata presso l’Institut Curie ed è guidata dal Pr. Christophe Le Tourneau – Medico Oncologo presso l’Institut Curie e Capo del Dipartimento per lo sviluppo e l’innovazione dei farmaci (D3i) – come ricercatore principale. Gli obiettivi principali di questo studio di fase Ia/b sono di valutare la sicurezza, la tollerabilità, la farmacocinetica e l’attività antitumorale preliminare di PEP-010 per via endovenosa, somministrato come agente singolo e in combinazione con paclitaxel, un agente chemioterapico taxoide, in pazienti con tumori solidi ricorrenti e/o metastatici, e in particolare nel cancro al seno triplo-negativo (TNBC) e nel cancro ovarico (OC).

Siamo molto contenti che ai primi pazienti sia stato somministrato PEP-010 all’Institut Curie. Nonostante i progressi fatti negli ultimi anni nel campo dell’oncologia, abbiamo ancora bisogno di approcci terapeutici innovativi. Il D3i ha un’unità dedicata agli studi clinici di fase iniziale e può contare su team multidisciplinari e motivati per condurre questo studio clinico e valutare come PEP-010 potrebbe beneficiare i pazienti con tumori solidi avanzati. Ci aspettiamo che questo studio fornisca importanti dati clinici iniziali per lo sviluppo di PEP-010 e sono impaziente di vedere i risultati preliminari

Pr. Christophe Le Tourneau.

L’inizio di questo studio rappresenta un’altra pietra miliare significativa per PEP-Therapy, dopo il successo della raccolta fondi Series A annunciata all’inizio di quest’anno. PEP-010 è il primo programma clinico che emerge dalla nostra innovativa tecnologia Cell Penetrating and Interfering Peptides. Ci aspettiamo di generare dati clinici potenzialmente promettenti, in particolare in due indicazioni a prognosi infausta e con alternative terapeutiche limitate: il cancro al seno triplo negativo metastatico e il cancro ovarico resistente al platino. Non vediamo l’ora di annunciare i dati preliminari di sicurezza e tollerabilità nel 2022.

Antoine Prestat, CEO e co-fondatore di PEP-Therapy

Lo studio clinico, denominato ‘CleverPeptide’ (NCT 04733027), è uno studio in aperto, non controllato, multicentrico, di escalation della dose (Fase Ia) con una fase di espansione (Fase Ib). Si stima che un totale di 56 pazienti adulti sarà reclutato gradualmente, con livelli di dose crescenti di PEP-010 in monoterapia, poi in combinazione con paclitaxel, con l’obiettivo di stabilire una dose massima tollerata (MTD). Seguiranno due coorti di espansione a questa MTD per confermare i dati di sicurezza e valutare l’efficacia preliminare.

Altri due centri oncologici, Gustave Roussy e François Baclesse, parteciperanno alle sperimentazioni cliniche e i pazienti riceveranno i livelli di dose successivi.

L’avanzamento della sperimentazione del nuovo farmaco ideato da PEP-Therapy rappresenta una notizia molto positiva non solo per i pazienti, ma anche per i nostri investitori. Credere in aziende che possono migliorare la qualità della vita o, come in questo caso, salvarla è al centro della nostra mission e del nostro percorso di selezione delle startup che riteniamo meritevoli di portare in raccolta.

Antonella Grassigli, CEO e Co-founder di Doorway