Press "Enter" to skip to content

Partner Fintech e Open banking: la nuova Banca del futuro

Da qualche anno il settore banking è chiamato a rispondere ai cambiamenti in atto nelle abitudini dei consumatori, trasformando e adattando in chiave “digital” modelli di business, prodotti e servizi finanziari. Le banche dovranno necessariamente guardare al cluster della generazione Z e nel farlo, potranno sfruttare le opportunità offerte dall’open banking e dalle aziende tecnologiche, in particolare dalle startup Fintech, per adattarsi al più presto al cambiamento e creare soluzioni e risposte adatte al nuovo contesto di mercato.

La digital transformation nel settore bancario

Il mutato quadro regolamentare seguito alla piena applicazione della PSD2 e l’impatto della pandemia di Covid-19 hanno indubbiamente cambiato profondamente le abitudini dei consumatori, accelerando la propensione all’uso di strumenti digitali anche nel settore banking.

I consumatori digitali di ogni livelli di maturità sono cresciuti esponenzialmente: pagamenti, gestione dei conti correnti, portafoglio titoli e altri servizi finanziari sono sempre più gestiti via app e online. Per comprendere la portata del fenomeno, basti pensare che secondo un’indagine della fintech londinese Nucoro, nel primo mese di lockdown nel Regno Unito più di sei milioni di persone hanno scaricato un’app di mobile banking per la prima volta.

La reazione degli istituti finanziari non ha tardato ad arrivare. Diverse misure e nuove modalità operative, non tradizionali, sono state implementate per soddisfare le nuove esigenze di consumo dei clienti, e saranno mantenute anche al termine della pandemia, rafforzandosi ed evolvendosi, perché rappresentano oggi un nuovo standard operativo di riferimento per garantire al cliente migliore qualità e servizi personalizzati, integrati e sicuri.

Come le Banche affronteranno la rivoluzione digitale

Nell’affrontare la rivoluzione digitale, le Banche non potranno prescindere da tre pilastri fondamentali:

  • Offrire una Customer Experience integrata e coerente: mai come ora la Customer Experience è stata così strategica e differenziante per il mondo banking. I manager degli istituti bancari hanno il compito di garantire un’esperienza integrata e coerente tra canali fisici e digitali, mirata all’offerta di servizi finanziari personalizzati.
  • Creare una struttura operativa più collaborativa: alla base della banca “ideale” di domani, ci sarà una struttura operativa più collaborativa. Il fattore collaborazione diventerà sempre più pervasivo, verranno meno i singoli dipartimenti e le singole funzioni, a favore di un allineamento di DevOps, ambienti cloud e sistemi It tradizionali, in grado di connettere in modo più efficace i team delle diverse aree e promuovere la focalizzazione sul valore e sull’innovazione dei servizi offerti al cliente.
  • Creare un’infrastruttura di Open banking: le istituzioni finanziare stanno iniziando a comprendere l’opportunità strategica dell’open banking, in grado di offrire benefici in termini di migliore customer experience e maggiore velocità nel lancio di nuovi servizi digitali. Le banche tradizionali dovranno ripensare le infrastrutture esistenti e passare da collaborazioni tattiche e a breve termine con startup Fintech, per la maggiore focalizzate sulla compliance normativa a progetti di trasformazione su larga scala, a cooperazioni e partnership consolidate in grado di rispondere ai cambiamenti in atto nel lungo termine.

Collaborazione tra Fintech e Banche

Lo sviluppo del settore FinTech è in rapida ascesa. Gli investimenti globali del primo semestre 2021 hanno toccato quasi quota 100 miliardi di dollari (98 miliardi, stando ai dati di Kpmg con 2.456 operazioni tra M&A, PE e VC). Anche il Fintech italiano ha registrato un record storico di investimenti, con un totale complessivo pari a 22,8 miliardi di dollari (fonte: CB Insight).

Intanto si rafforza anche la convinzione che la collaborazione strategica con le imprese finanziarie (in particolare, le banche) rappresenti, in prospettiva, il futuro delle FinTech applications. Secondo la recente ricerca ABI Lab Report 2021 – ICT scenario and market trends for the banking sector, ben il 64% delle banche vogliono fare partnership con il FinTech. Nello specifico, le banche di grandi dimensioni sono propense anche a creare incubatori e spazi di sperimentazione con il FinTech e startup innovative.

Collaborando con i fintech provider, gli istituti bancari possono diventare l’ecosistema o la piattaforma di aggregazione di servizi finanziari, assicurandosi di restare in posizione rilevante e di continuare a soddisfare le richieste dei clienti presenti e futuri. Di conseguenza nell’open banking diventano essenziali le partnership con il settore fintech: possono infatti portare servizi interessanti sul mercato in modo più veloce ed economico.