Press "Enter" to skip to content

Eggtronic: l’elettronica di potenza rivoluzionaria

Eggtronic, la startup modenese fondata nel 2012 da Igor Spinella, attiva nel mercato dei semiconduttori e delle soluzioni tecnologiche ad alta efficienza energetica, aprirà a breve su Doorway una campagna da 4 milioni di euro, rientrante in un round da 10 milioni.

Dopo la prima presentazione di Eggtronic avvenuta in occasione dell’Investor Day del 9 giugno, Igor Spinella è tornato a presentare questa innovativa scale up all’Investor Day del 15 luglio.

Il business model

Eggtronic opera in tre segmenti di mercato: retail, B2B e circuiti integrati (ICs market).

Per il mercato consumer, produce accessori premium nel campo degli adattatori, caricatori wireless e power bank. La distribuzione è concentrata principalmente negli Stati Uniti, tramite accordi con le principali catene (Wal-mart; Staples; Amazon US). Su B2B e ICs, Eggtronic fornisce soluzioni a clienti chiave e di grandi dimensioni (Sky, Dyson, Google, etc.), con una distribuzione focalizzata prevalentemente sulla fornitura della sola componentistica critica, affidando l’integrazione a partner esterni.

Accelera il mercato dei semiconduttori e dell’elettronica di potenza

Nonostante l’impatto della pandemia e lo shortage di chip, il mercato dei semiconduttori ha registrato un ottimo andamento nel 2020, con un fatturato pari a 464 miliardi di dollari, in aumento del 10,8% rispetto al 2019.

Per il 2021 è previsto un fatturato di 522 miliardi di dollari, con un incremento di 12,5 punti percentuali trainato dalla crescente necessità di chip conseguente alla rapida diffusione di dispositivi smart, al maggior ricorso allo Smart Working e alle altre sfide logistiche imposte dalla pandemia.

Il mercato nel quale si inserisce Eggtronic, è quindi un mercato enorme che sta sperimentando una crescita esponenziale.

Negli ultimi anni, inoltre, il mercato dei semiconduttori ha visto un’innovazione importante, ossia l’introduzione di alimentatori basati su tecnologia al nitruro di gallio. Rispetto al silicio, questo semiconduttore consente di realizzare alimentatori di dimensioni notevolmente più contenute, molto più efficienti e in grado di offrire velocità di ricarica delle batterie superiori. Tuttavia, le soluzioni basate su questa tecnologia risultano molto più costose.

EPIC: il chip innovativo

Per dare una soluzione a questo problema, Eggtronic ha sviluppato e brevettato un innovativo chip, l’EPIC (Electronic Power Integrated Controller), grazie al quale è in grado di dare un potenziamento di prestazioni riducendo del 30% le dispersioni di energia, ad un costo molto contenuto, prestandosi a servire clienti dalle grandi dimensioni. Rispetto ai migliori competitor sul mercato, la società vanta dunque un forte vantaggio competitivo sotto l’aspetto tecnologico, offrendo prestazioni non replicabili dalla concorrenza, si rivolge esclusivamente alla fascia più alta del mercato. Pur offrendo una soluzione dal costo contenuto, Eggtronic ha un margine di circa l’80% sul prodotto. Acquisendo anche solo il 10% del mercato di fascia alta servendo solo i grossi clienti, Eggtronic diventerebbe un’azienda che fattura miliardi.

Ad oggi tra i clienti di Eggtronic compaiono grandi player quali Sky, Ferrari, TechnoGym, Walmart, Best Buy, Vimar etc.

I vantaggi competitivi

Siamo diversi rispetto ai concorrenti perché le nostre soluzioni sono molto più miniaturizzate, più efficienti e quindi più ecologiche, riusciamo a dimezzare le perdite e perfino, nel caso del wireless, ad essere il 30% più efficienti del miglior competitor. Questo significa che raggiungiamo la stessa efficienza delle soluzioni cablate e riusciamo a raggiungere anche un’altra funzionalità che nessuno era mai riuscito a raggiungere prima nel settore del wireless: la libertà di posizionamento.

Igor Spinella, CEO e founder

Questa caratteristica rivoluzionaria, che permette di trasferire energia indipendentemente dalla posizione del device da alimentare, renderà possibile il fiorire di innovazioni e la loro concreta applicazione commerciale, generando un impatto dirompente sulla società e sulla vita quotidiana delle persone.

Immaginativi una scrivania, un muro o un pavimento completamente wireless, perfino una corsia di un’autostrada che riesce ad alimentare un veicolo elettrico: tutto questo con le tecnologie Eggtronic è assolutamente possibile. Sono tutte soluzioni funzionanti, certificate, sicure, e che stanno adottando clienti tra i più importanti al mondo.

Igor Spinella, CEO e founder

La copertura brevettuale

Grazie al proprio team di ricercatori e di ingegneri, ad oggi Eggtronic conta più di 200 brevetti concessi e depositati (di cui più di 130 a livello internazionale), a copertura delle architetture, dei sotto-sistemi, delle componenti proprietarie e degli algoritmi di controllo.

Il solo valore dei brevetti è stato stimato in 150 milioni di dollari da Origin LTD (una delle migliori aziende attive nella valutazione dei diritti industriali)

Il team

Eggtronic ha un team di PhD, persone provenienti da Berkeley, dall’Istituto Italiano di Tecnologia, Ferrari, Maserati, Luxottica, Panasonic, Pebble, Max Mara, Liu Jo, e molti altri.

Il team è composto da una commistione di persone junior e senior che condividono lo stesso DNA fatto di grandi capacità e know-how, menti brillanti, passione e grandi lavoratori.

Oggi stiamo inserendo ulteriori seniorities, perché essendo diventata scale up, Eggtronic ha bisogno di maggiori competenze manageriali. Abbiamo già inserito manager sia in Italia sia nelle nostre sedi in California e in Cina, con alle spalle exit di successo e di rilievo mondiale. Abbiamo aggiunto anche Advisor tra cui alcuni dei più famosi al mondo, ad esempio l’ex CTO Mark Gretton di TomTom, ma anche David Tupman ex Vicepresidente di Apple a capo delle divisioni iPod e iPhone, che oggi ci sta permettendo di scalare in Silicon Valley con le aziende tra le più importanti al mondo.

Igor Spinella, CEO e founder

Exit strategy

A fine 2022 è previsto un round di serie B per un importo di 30 milioni di dollari con pre-money di 150 milioni di dollari. A tal proposito sono state già avviate trattative con Atlantic Bridge, un fondo di venture capital con sede nella Silicon Valley.

La strada maestra identificata per la exit è una quotazione in borsa o IPO.

Un’alternativa verosimile è rappresentata da una trade sale da parte dei grandi gruppi produttori di semiconduttori (e.g. TMSC, Texas Instruments, AMD).

Siamo un’azienda tech quindi le exit strategy sono tipicamente due: la IPO o un’operazione di M&A. Non abbiamo ancora scelto la nostra exit strategy, anche se abbiamo una preferenza. Già oggi, alcuni grossi nomi del mondo dei semiconduttori ci hanno chiesto se fossimo in vendita. La risposta è stata “Si, tra un po!’”perché oggi chiaramente vogliamo massimizzare il nostro valore. Abbiamo quindi già suscitato l’interesse per essere ceduti ad alcune tra le più famose aziende al mondo dell’ambito dei semiconduttori. Per contro, la exit che ammetto essere la mia preferita, anche per la struttura del gruppo e per le potenzialità di nuovi prodotti e sviluppi che l’azienda potrebbe fare con un processo di lancio di innovazioni sequenziali, è chiaramente la IPO.

Stiamo già cominciando a lavorare per avere come exit naturale una IPO, cercando innanzitutto investitori per il round B che collochiamo nel 2022, che sarà il prossimo step naturale dopo il bridge del 2021, ed anche grazie a questi investitori strategici che stiamo cercando in Silicon Valley. Eventualmente, l’altra opzione di exit in assenza della IPO è un’operazione di acquisizione da parte dei colossi dei semiconduttori, se il numero di zeri sarà sufficientemente soddisfacente.

Igor Spinella, CEO e founder

La campagna su Doorway

La campagna su Doorway è di 4 milioni di euro e rientra in un round da 10 milioni, di cui la metà sono già stati sottoscritti dagli attuali soci e dal noto software di navigazione stradale TomTom.

Eggtronic è ora in pre-sale. L’investimento in anteprima è riservato ai membri del Doorway Investor Club.